I nostri prossimi avversari… U.S. Castelluccio

I nostri prossimi avversari… U.S. Castelluccio

L’Elettra Marconia si prepara alla prima trasferta del suo cammino in Eccellenza: tra pochi giorni i rossoblù si muoveranno alla volta del Pollino, per fare visita all’U.S. Castelluccio. Tra i monti dell’entroterra lucano la compagine jonica muoverà i suoi primi passi da neopromossa, al cospetto di un avversario di categoria che ha già dimostrato ottime qualità nella stagione appena conclusa.

Tra i fautori del progetto Castelluccio c’è anche un giovane pisticcese, il dott. Giuseppe Valentino che, per amore e per lavoro, vive da anni a Castelluccio Inferiore e, con entusiasmo, ha sposato la causa sportiva, contribuendo al salto in Eccellenza dei rossoblù. Nel suo passato anche esperienze vittoriose nello staff tecnico del Bernalda Futsal, compagine con cui ha raggiunto la Serie B.

Chiacchierando con il nostro concittadino, scopriamo insieme i prossimi avversari dell’Elettra: “La nostra è una piccola comunità, con circa 3000 residenti tra Castelluccio Inferiore e Superiore – spiega Valentino – L’obiettivo principale, dunque, è una crescita graduale, ma costante a livello di immagine. Grazie ad una struttura sportiva all’altezza di palcoscenici più importanti (l’impianto dedicato a Nicola Vulcano ha ospitato il Rotonda nell’ultimo torneo di Serie D disputato due stagioni fa), stiamo diventando un vero e proprio punto di riferimento per la valle del Mercure.  Lavorando su aspetti importanti per il calcio moderno, come la comunicazione, la ricerca costante di giovani e di partner commerciali da coinvolgere nel progetto, abbiamo riscontrato benefici anche sui risultati sportivi: i momenti più importanti degli ultimi anni sono stati quelli relativi alla semifinale play off della stagione 2016/2017 in Prima Categoria, alla finale dell’anno successivo, fino al ripescaggio in Eccellenza dopo la finale play-off di Promozione”. A proposito della nuova stagione, l’obiettivo dichiarato è la salvezza: “Rappresenterebbe senz’altro un traguardo storico per la società in quanto ci aprirebbe le porte alla terza partecipazione consecutiva al massimo campionato regionale, dopo ventidue anni di assenza. Anche in considerazione del particolare momento storico, la dirigenza cercherà di mettere a disposizione un assetto organizzativo adeguato e una rosa qualitativamente valida, ma nettamente ringiovanita rispetto ai campionati precedenti. Basti pensare che l’età media attuale è compresa tra i 21 e 22 anni”.

Guardando alla rosa a disposizione del riconfermato allenatore De Marco, i nuovi innesti sono perlopiù giovani calciatori, tra cui il classe 2000’, Gaetano Belsito, i classe 2002’, Salvatore Invigorito e Aldo Melisi, tutti di origine partenopea. Ingaggiati anche l’ex Marcianise Alessio Domigno, l’ex Lauria Nico Ielpo, l’esterno d’attacco Domenico Tassone, reduce da campionati di Serie D; completano le novità di stagione gli argentini Rodriguez Marin e Manuel Guinazu, entrambi indisponibili per infortunio. Ha salutato Castelluccio Domenico Lavecchia, ingaggiato proprio dall’Elettra Marconia.

Andrea Cignarale

 

STORIA

L’Unione Sportiva Castelluccio nasce nel 1948 per opera del Dott. Nicola Vulcano. In 72 anni di storia per ben 11 volte ha vinto il campionato di appartenenza e per 3 volte è stata premiata con la Coppa Disciplina. Il palmares è diventato cospicuo a cavallo tra gli anni 50’ e 60’ (sei campionati vinti di cui tre consecutivi tra il 1959 ed il 1962). Dopo l’addio alla presidenza del Dott. Vulcano nel 1969, prende le redini della società il Dott. Giuseppe Miraglia, che resterà alla guida della compagine fino al 1975. Dopo aver abbandonato, per alcuni campionati, la casacca in questa particolare associazione cromatica, la dirigenza è voluto ritornare ai colori tradizionali nel 1989-90. Questa scelta è coincisa con la vittoria del torneo, che ha permesso il duplice balzo fino al campionato di Eccellenza. La permanenza in tale categoria è durata sei campionati e la squadra castelluccese si è tenuta sempre nei quartieri alti della classifica. Dopo varie vicissitudini, che comunque non hanno intaccato la continuità gestionale grazie all’impegno di un ristretto nucleo dirigenziale, l’anno appena concluso è coinciso con il settantaduesimo compleanno della società e con il suo definitivo rilancio dal punto di vista sportivo sotto la guida del presidente Giacomo Forastiero dopo un illustre decennio la cui reggenza porta la firma del dott. Egidio Sproviero.

Nessun Commento

Inserisci un Commento